Workinvoice

Soluzioni

Partnership

Insight & Business tips
26 Marzo 2024

Educazione Finanziaria: Cos’è e Perché è così Importante?

Gli anni di pandemia ci hanno insegnato quanto possa essere precaria la stabilità finanziaria individuale e collettiva. In tempi come quelli attuali, segnati da inflazione, instabilità geopolitica e strette monetarie, comprendere i principi basilari della finanza diventa quasi una necessità. L’alfabetizzazione finanziaria fornisce gli strumenti essenziali per una gestione ottimale delle proprie risorse economiche, ma contribuisce anche al benessere economico di singoli individui e interi Paesi.

Continua nella lettura per saperne di più sull’educazione finanziaria: cos’è, a che punto siamo in Italia, perché è importante e quali sono le abilità base che è bene sviluppare.

Educazione Finanziaria

Home » Insight & Business tips » Educazione Finanziaria: Cos’è e Perché è così Importante?

 


 

Che cos’è l’Educazione Finanziaria: Definizione e Significato

Secondo la definizione dell’OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), l’educazione finanziaria è un processo mirato a migliorare la comprensione dei prodotti finanziari, dei concetti di base e a sviluppare le attitudini e le conoscenze necessarie per prendere decisioni consapevoli. Questo percorso di apprendimento è essenziale per accrescere le competenze nella gestione delle risorse finanziarie personali e familiari, nonché nei temi assicurativi e previdenziali.

Stato dell’Educazione Finanziaria in Italia

Il Rapporto Edufin 2022, frutto dell’impegno congiunto del Comitato Edufin e dell’istituto di ricerca Doxa, getta luce su una realtà preoccupante in Italia: un diffuso deficit nella comprensione delle materie finanziarie; un fenomeno che persiste in maniera sorprendente anche tra le fasce della popolazione caratterizzate da livelli di reddito elevati e titoli di studio avanzati.

Le carenze emerse riguardano aree fondamentali della finanza personale e della gestione degli investimenti. In particolare, la comprensione della diversificazione del rischio – principio chiave per ridurre l’esposizione ai capricci del mercato grazie a un portafoglio ben equilibrato – risulta insufficiente. Allo stesso modo, i concetti di interesse composto e semplice, utili a valutare l’impatto degli investimenti nel tempo, sono scarsamente intesi.

Il rapporto ha inoltre evidenziato come alcune fasce demografiche siano particolarmente vulnerabili alla disinformazione finanziaria. Tra queste, le donne, i residenti del Sud e delle Isole, le persone con un basso livello di istruzione e i giovani sotto i 34 anni emergono come i più esposti. Allarmante è anche la situazione degli studenti italiani, che hanno mostrato significative difficoltà nel risolvere compiti complessi legati all’alfabetizzazione finanziaria, come rivelato dal test OCSE PISA

I dati appena visti riflettono la necessità di integrare l’educazione finanziaria nei percorsi formativi scolastici, ma sollevano anche domande critiche sulla preparazione delle giovani generazioni ad affrontare un mondo finanziario sempre più personalizzabile, veloce e digitalizzato.

Perché è Importante avere un’Educazione Finanziaria

Ma quanto è importante avere un’educazione finanziaria, e perché? 

Avere una solida comprensione dei principi finanziari permette di muoversi con più sicurezza attraverso le incertezze economiche, mitigando la fragilità e l’ansia finanziaria. La conoscenza si traduce in controllo; controllo sul proprio destino economico.

D’altra parte, la disinformazione e la mancanza di educazione finanziaria possono avere effetti deleteri. Un’inadeguata comprensione delle dinamiche finanziarie espone gli individui a un rischio maggiore di difficoltà economiche, in particolare nella gestione di eventi imprevisti o nella riduzione del reddito disponibile. La carenza di conoscenze finanziarie compromette la capacità di gestire investimenti e risparmi in modo efficace, può accrescere l’ansia finanziaria e creare un ciclo vizioso di decisioni economiche mal consigliate.

Educazione Finanziaria: Abilità di Base da Sviluppare

Gestire le finanze personali richiede abilità e consapevolezza in diverse aree. Uno degli aspetti centrali riguarda il controllo delle spese, necessario per monitorare e regolare le proprie uscite. Strettamente correlata è la previsione dei costi, che implica la capacità di anticipare e prepararsi alle spese future, sia ricorrenti che impreviste.

La programmazione del budget prevede la definizione di un piano dettagliato che assegna importi specifici a diverse categorie di spesa in linea con obiettivi e priorità personali. Un budget strutturato consente il controllo delle uscite ma, soprattutto, l’individuazione di potenziali aree di risparmio.

Per la sicurezza finanziaria a lungo termine, è importante poi la gestione del risparmio. Con questa espressione intendiamo l’atto di accantonare denaro, ma anche la capacità di allocare efficacemente i risparmi valutando le diverse opzioni di investimento e i relativi rischi. Una gestione oculata può aiutare ad affrontare periodi economicamente difficili, finanziare obiettivi futuri come l’istruzione o l’acquisto di una casa e garantire un’adeguata pensione.

Migliorare la Cultura Finanziaria in Italia

Per colmare il divario di alfabetizzazione finanziaria e migliorare la cultura economica della popolazione, è necessario un approccio multicanale che coinvolga diversi attori. A partire dall’istruzione scolastica: sarebbe auspicabile introdurre l’educazione finanziaria nei programmi didattici, fornendo al contempo un adeguato supporto e formazione ai docenti per trasmettere efficacemente i concetti di base. Parallelamente, sarebbe bene incentivare l’apprendimento autodidatta, grazie alla messa a disposizione di corsi gratuiti online, libri e webinar che possano raggiungere anche gli adulti al di fuori del percorso scolastico.

Il governo italiano ha intrapreso alcune iniziative lodevoli in questa direzione. Nel 2017 è stato istituito il Comitato per l’Educazione Finanziaria, con l’obiettivo di coordinare e promuovere iniziative mirate all’alfabetizzazione economica. Ogni anno, nel mese di ottobre, si svolge il Mese dell’Educazione Finanziaria, un ricco programma di eventi e attività volte ad accrescere le conoscenze finanziarie dei cittadini.

Tuttavia, nonostante gli sforzi, il livello di alfabetizzazione finanziaria in Italia rimane ancora insufficiente, rendendo necessario un ulteriore rafforzamento delle iniziative e un maggiore coinvolgimento di istituzioni, aziende e comunità locali per diffondere una solida cultura economica a tutti i livelli della società.

Ti è piaciuto questo articolo?

Se hai trovato utile questo contenuto puoi condividerlo aiutandoti con i pulsanti che vedi di seguito, leggere altri articoli del nostro Blog o scoprire le nostre soluzioni di Invoice Trading e Reverse Factoring.

Condividi sui social

LinkedIn
Facebook
Twitter
WhatsApp

ALTRE NOTIZIE SIMILI

banca sella workinvoice
Workinvoice news
20 Aprile 2021

Open Banking Integrato e Digitale: La Partnership tra Workinvoice e Banca Sella

Marketplace Economy
Insight & Business tips
22 Gennaio 2021

L’Evoluzione del FinTech Italiano verso l’Embedded Finance

Futuro del Fintech
Insight & Business tips
4 Dicembre 2020

Personalizzazione, velocità e digitalizzazione: le carte vincenti del Fintech in un mondo che cambia

Vantaggi Invoice Trading tra Fintech e Marketplace B2B
Insight & Business tips, Workinvoice news
24 Giugno 2020

Partnership Cribis-Workinvoice: Come Convergere Fintech e MarketPlace B2B

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter Workinvoice

Workinvoice
Piazza San Camillo de Lellis 1, 20124 Milano

info@workinvoice.it
(+39) 02-868-91072

Logo dell'Osservatorio e Politecnico di Milano

About

WorkInvoice © 2016 / P.IVA 08451350964 / Numero REA MI-2027541 / Payment Agent: Regafi 86989 / designed by SUNNYONES