Workinvoice

Soluzioni

Partnership

Insight & Business tips
19 Luglio 2023

Come il fintech può salvare le aziende dai ritardi causati dal credit crunch

Il credit crunch sta iniziando a materializzarsi in tutta Europa e i default sono tornati a salire per la prima volta dal 2013; in concomitanza, aumentano i ritardi nei pagamenti delle imprese italiane che causano a catena ulteriori difficoltà di gestione delle finanze aziendali. Ma i dati dimostrano che nel mondo del fintech le aziende sono più puntuali: vediamo perché.

Sono tempi difficili per le imprese: aumentano i ritardi nel saldo delle fatture, e questo genera a cascata numerose difficoltà finanziarie e operative nelle filiere produttive italiane. Un report di Allianz che considera l’intero universo delle imprese europee calcola un buco di 5 trilioni di euro nel fabbisogno di liquidità a livello aziendale, in particolare B2B. In concomitanza, stanno aumentando i ritardi nei pagamenti delle imprese italiane, che già storicamente registrano alcuni dei tempi più lunghi di tutto il continente. E questi ritardi causano a catena ulteriori difficoltà di gestione delle finanze aziendali, andando a creare un circolo vizioso. Secondo una recente indagine dell’Area Studi e Ricerche di Cna (Confederazione Nazionale dell’Artigianato) ben il 94,3% delle imprese che non vengono pagate nei tempi dovuti dichiara di subire conseguenze dai ritardi.

Eppure c’è un ambiente in cui, anche nel nostro Paese, le imprese sono più puntuali: è il mondo del fintech e in particolare quello dell’anticipo fatture digitale.

Perché le imprese che usano il fintech sono più puntuali?

Confrontando i dati dei pagamenti delle aziende italiane nel loro insieme con i dati della fetta di imprese che si affidano al fintech, emerge una differenza sostanziale.

Secondo lo Studio sui pagamenti 2023 di Cribis, infatti, solo il 41,2% delle fatture viene pagato a scadenza, un lieve miglioramento rispetto all’ultimo trimestre del 2022 (40,9%) e un significativo incremento rispetto al quarto trimestre 2019, l’ultimo prima della pandemia (34,7%). Il 9,5%, dei pagamenti invece, registra ritardi gravi che vanno oltre il mese. Un dato preoccupante perché stabile rispetto al primo trimestre di quest’anno (9,5%), ma in aumento se confrontato con l’ultimo trimestre del 2022 (9,1%), che aveva segnato il minimo storico.

Decisamente diversa è la situazione delle imprese che usano il fintech: il database di Workinvoice registra che tra le imprese che utilizzano lo strumento dell’invoice trading (una forma di anticipo fatture digitale particolarmente flessibile) i pagamenti a scadenza salgono al 65,71%, chi paga entro i 30 giorni sono il 30,13%, mentre solo il 4,16% va oltre il mese.

In generale, quindi, i debitori delle fintech sono più puntuali. Ma come mai? Le ragioni sono da ricercare nell’ambiente in cui operano: ovvero un marketplace fintech – come quello di Workinvoice – che rappresenta un mercato molto controllato dove l’incasso dei crediti viene seguito in maniera più diretta. Inoltre, grazie all’uso della tecnologia, tra algoritmi e intelligenza artificiale, si riesce a frenare il problema già a monte, ovvero effettuando un’analisi più precisa del rischio di credito delle aziende che vengono selezionate per il finanziamento.

Come creare un contesto più virtuoso tramite il fintech

Sicuramente una soluzione per aiutare le imprese in questo contesto può venire proprio dal mondo del fintech, che da una decina di anni è in costante crescita in Italia e ha avuto modo di mettere a punto e perfezionare le tecnologie che permettono agli imprenditori, in sostanza, di essere migliori pagatori. Migliorare le pratiche di gestione del credito potrebbe essere un punto di partenza per spingere le aziende alla puntualità e quindi avviare nel tempo un circolo virtuoso che possa abbattere l’ostacolo alla crescita rappresentato dalla mole gigantesca di crediti accumulati dalle imprese.

Perché è necessario agire subito e spezzare il circolo vizioso dei ritardi

È oramai noto che l’inasprimento delle condizioni finanziarie e l’aumento dei tassi di interesse sono destinati ad accrescere ulteriormente i ritardi nei pagamenti.

Infatti, da un lato le imprese sono a corto di liquidità, ma dall’altro sta anche diventando sempre più difficile accedere a un prestito bancario per tamponare questa situazione perché le banche stanno rallentando la concessione di prestiti. Secondo l’ultimo Bank Lending Survey della Bce, presentato ad aprile 2023, i finanziamenti nell’Eurozona, nel primo trimestre, sono infatti calati del 17%. Questo perché gli standard creditizi – ovvero le linee guida interne delle banche o i criteri di approvazione dei fidi – per i prestiti o le linee di credito alle imprese sono stati “ulteriormente inaspriti in modo sostanziale (con la percentuale netta di banche che ha segnalato un inasprimento a 27%) nel primo trimestre del 2023”.

Questa stretta si inserisce all’interno del vortice che sta attanagliando le aziende: infatti i principali fattori che hanno peggiorato le condizioni creditizie, rimarca la Bce, sono stati “una maggiore percezione del rischio e, in misura minore, una propensione inferiore al rischio da parte delle banche”.

È necessario quindi spezzare questa concatenazione apparentemente inevitabile che rende le imprese “cattivi pagatori” o pagatori non puntuali e per farlo bisogna creare le condizioni per cui si inneschi un meccanismo opposto. E, in tutto questo, il Fintech e le sue buone pratiche possono fungere da modello.

Se vuoi saperne di più e scoprire qual è il servizio più adatto alle tue esigenze, contatta un nostro consulente!

Ti è piaciuto questo articolo?

Se hai trovato utile questo contenuto puoi condividerlo aiutandoti con i pulsanti che vedi di seguito, leggere altri articoli del nostro Blog o scoprire le nostre soluzioni di Invoice Trading e Reverse Factoring.

Condividi sui social

LinkedIn
Facebook
Twitter
WhatsApp

ALTRE NOTIZIE SIMILI

banca sella workinvoice
Workinvoice news
20 Aprile 2021

Open Banking Integrato e Digitale: La Partnership tra Workinvoice e Banca Sella

Marketplace Economy
Insight & Business tips
22 Gennaio 2021

L’Evoluzione del FinTech Italiano verso l’Embedded Finance

Futuro del Fintech
Insight & Business tips
4 Dicembre 2020

Personalizzazione, velocità e digitalizzazione: le carte vincenti del Fintech in un mondo che cambia

Vantaggi Invoice Trading tra Fintech e Marketplace B2B
Insight & Business tips, Workinvoice news
24 Giugno 2020

Partnership Cribis-Workinvoice: Come Convergere Fintech e MarketPlace B2B

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter Workinvoice

Workinvoice
Piazza San Camillo de Lellis 1, 20124 Milano

info@workinvoice.it
(+39) 02-868-91072

Logo dell'Osservatorio e Politecnico di Milano

About

WorkInvoice © 2016 / P.IVA 08451350964 / Numero REA MI-2027541 / Payment Agent: Regafi 86989 / designed by SUNNYONES