L’invoice trading italiano verso il miliardo e mezzo di erogato

Nel Paese europeo con i più gravi ritardi nei pagamenti tra imprese, l’anticipo del credito sulle piattaforme continua a crescere a ritmi vertiginosi e rappresenta la fetta preponderante del lending complessivo. Workinvoice è uno degli operatori più importanti, secondo l’ultimo State of The Market di Altfi

A cura di Matteo Tarroni, Founder di Workinvoice

L’invoice trading, ovvero l’anticipo fatture digitale, vale oltre i tre quarti dell’intero lending italiano – ovvero di tutto il mercato dei prestiti digitali nel nostro Paese. Ma vediamo nel dettaglio quali sono i numeri di questo settore della finanza tecnologica che sempre di più si sta affermando nel nostro Paese.

Il digital lending in Italia: un mercato virtuoso

Quello dei prestiti online  è un mercato virtuoso, che già a fine 2018 aveva raggiunto il valore record di un miliardo di euro erogati a privati e imprese da inception (ovvero dall’inizio delle attività di lending in Italia) attraverso le piattaforme digitali. E nel 2019, in soli sei mesi, ha raddoppiato i volumi: a giugno l’ammontare complessivo dei prestiti online ha infatti sfiorato gli 1,9 miliardi di euro, secondo le rilevazioni di P2P Lending Italia, con una crescita trimestre su trimestre del 23% e anno su anno del 142%. Solo  tra aprile e giugno l’erogato si è attestato a 337 milioni di euro, in aumento del 97,4% anno su anno e del 7,6% rispetto al trimestre precedente.

È l’invoice trading a trainare il lending italiano

In particolare, l’invoice trading domina su tutti i sotto-segmenti analizzati: dei quasi 2 miliardi complessivi, circa 1,6 miliardi si riferiscono alle sei piattaforme specializzate nei prestiti alle imprese (escludendo quindi quelle che operano prestiti personali), e di questi ben 1,4 miliardi di euro fanno capo all’invoice trading. Ciò significa che questo settore del Fintech ha permesso alle imprese italiane di vendere i propri crediti per 1,4 miliardi di euro – e nella maniera rapida, veloce e trasparente che caratterizza questo tipo di servizi digitali.

Non sorprende, dunque, leggere nel Report di AltfiPeer-to-Peer Lending State of the Market 2019” che il mercato italiano dell’online lending sia “dominato da un paio di grandi specialisti di invoice trading, tra cui Workinvoice“.

Solo tra aprile e giugno lo sconto fatture, come lo definisce P2P Lending Italia, ha erogato nuovi prestiti per oltre 268 milioni di euro (+0,7% trimestre su trimestre e + 100% anno su anno). Ma è importante sottolineare che anche gli altri segmenti, ovvero prestiti alle persone e prestiti alle imprese, hanno segnato crescite rilevanti, indicando un forte trend di sviluppo dell’intero mercato.

L’Italia nel contesto del lending europeo

La predominanza del segmento dedicato alle imprese è peculiare del mercato italiano ed è ciò che lo distingue nel contesto europeo, escludendo il caso sui generis del Regno Unito. Secondo il provider di dati Brismo, infatti, se nel Vecchio Continente la crescita dell’industria diminuirà attestandosi al 47,5% nel 2019 (scendendo dal 90% registrato nel 2018) a causa del rallentamento del settore dei prestiti personali, questo segmento però continuerà a rappresentare la quota maggiore del mercato (3,7 miliardi di euro dei 4,9 previsti a fine anno).

Rileva notare che il mercato britannico, invece, sia molto più simile a quello italiano per composizione: nel 2018 ha superato i 6 miliardi di erogato, di cui 2,5 alle PMI e poco più di un miliardo in invoice trading. L’invoice trading dovrebbe superare 1,6 miliardi a fine 2019, una cifra molto simile a quella che già erogano le omologhe piattaforme domestiche.

L’invoice trading come risorsa contro la recessione

Nonostante nel resto dell’Europa dunque il lending online stia entrando in una fase di consolidamento e di crescita più contenuta, l’invoice trading italiano sembra essere caratterizzato da ritmi ancora esponenziali. E le ragioni sono diverse: la prima è senza dubbio lo status quo dei tempi di pagamento, fotografato dall’edizione 2019 del European Payment Report di Intrum.

Per difendersi dalla recessione (che è in corso secondo il 65% delle aziende italiane, contro il 53% della media europea), il 55% di esse pensa di ridurre le spese (contro una media europea di 45%), e il 40% pensa di fare meno ricorso al credito tradizionale. Anche perché il 79% delle aziende italiane soffre di alcune problematiche riguardo alle perdite su crediti, contro il 46% della media europea. 

I termini di pagamento lunghi rappresentano un altro importante problema per il 71% (contro il 50% del continente), che non si risolve neppure con i pagamenti concordati. Perché non vengono rispettati: le imprese italiane vengono pagate in media in 48 giorni dalle altre imprese e in 67 giorni dal settore pubblico. Tutti numeri che fanno dell’Italia il Paese più ritardatario in Europa quando si tratta di saldare le fatture.

Se a questo si somma il dato di Bankitalia che continua a registrare cali nei prestiti alle imprese (50 miliardi di euro in meno nel 2018 rispetto al 2017), ben si comprende perché nel primo semestre i nuovi prestiti erogati dall’invoice trading (535 milioni) siano pari a quasi tre quarti dell’intero 2018 (764 milioni) e il tasso di crescita continui a essere superiore a quello medio europeo. L’invoice trading è un’alternativa semplice, rapida e trasparente che alle PMI piace. E che non può che continuare a segnare numeri record nel Paese dei 4 milioni di piccole imprese – sotto-servite dal sistema bancario.

Vuoi saperne di più?

Mandaci una mail e ti risponderemo al più presto. Altrimenti prenota una telefonata e ti chiameremo noi.

Contattaci via mail o Prenota una telefonata