bee

La fintech italiana Workinvoice si allea con l’inglese Ebury per coprire le pmi italiane dal rischio di cambio

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Tempo di lettura: < 1 minuto
La fintech italiana Workinvoice ha stretto una partnership con la scaleup britannica Ebury grazie al quale le pmi italiane potranno proteggersi dal rischio di cambio sulla loro attività di import/export e finanziare le fatture in valuta estera attraverso semplici procedure digitali online.

Le soluzioni Ebury distribuite da Workinvoice consentono infatti di eliminare il rischio di perdite generate dalle fluttuazioni delle valute, fissando il cambio alla data attuale o a una data futura a fronte del pagamento di una commissione che si annuncia molto più competitiva di quella offerta dal sistema bancario tradizionale. Questo grazie alla capillarità del sistema di pagamenti e di conti correnti in valuta di Ebury, che può effettuare transazioni in 130 valute, e alla digitalizzazione dei processi, che riduce i costi operativi. L’accordo tra le due fintech permetterà inoltre alle società di import/ export di finanziare le fatture in un ampio ventaglio di valute, dando loro la possibilità di migliorare il cash-flow e il proprio stato patrimoniale.

Scopri di più all’interno dell’articolo di approfondimento del quotidiano online Bebeez

Scopri come ottenere liquidità immediata per la tua azienda

Vuoi saperne di più?

Mandaci una mail e ti risponderemo al più presto. Altrimenti prenota una telefonata e ti chiameremo noi.

Contatta un nostro consulente