Workinvoice

Soluzioni

Partnership

Press
16 Aprile 2024

Invoice trading: fatture pagate in anticipo. Pro e contro rispetto al factoring.

logo industria italiana

L’invoice trading è uno strumento per cedere crediti commerciali a investitori professionali attraverso piattaforme digitali. Asta, marketplace, acquisto diretto o supply chain finance sono i metodi per la cessione delle fatture. Nessun rischio insolvenza, nessuna segnalazione in centrale rischi: la liquidità arriva sul conto dell’azienda nell’ordine di pochi giorni. Solo il 3% degli imprenditori lo usa.

C’è un tema chiave che condiziona la vita delle imprese, in maniera particolare nei momenti di crisi. Ed è la disponibilità di cassa, che è vitale per fare investimenti ma anche per sostenere le spese correnti e dunque per la normale operatività. Nel post Covid le banche hanno stretto le maglie del credito e d’altronde l’azienda Italia dipende ancora largamente dai prestiti bancari per finanziarsi. Esistono però oggi strumenti flessibili, veloci e a basso rischio, abilitati dal Fintech che consentono alle pmi di trovare liquidità senza contrarre ulteriore debito. Parliamo in particolare dell’invoice trading, una sorta anticipo fatture che promana dal Fintech (e che, come vedremo, è molto diverso da quello offerto da banche e società di factoring). Il funzionamento è semplice: le aziende che vantano crediti commerciali non scaduti possono cederli, anche singolarmente, sul marketplace di una piattaforma Fintech e ricevere immediatamente la liquidità a costi compresi tra il 4 e il 10% – liberandosi del rischio insolvenza, che si assume la stessa piattaforma, e senza subire alcun impatto sulla posizione debitoria. Il mercato ha ormai 9 anni di vita nel nostro paese, ma secondo un’analisi di una delle prime piattaforme nostrane, Workinvoice, è usato solo dal 3% degli imprenditori. Eppure siamo di nuovo in pieno credit crunch: «Il 57% delle pmi italiane ha bisogno di accedere a fonti di credito entro una settimana e, tra queste, il 30% entro 24/48 ore», dice a Industria Italiana Matteo Tarroni, ceo e founder di Workinvoice che ci ha accompagnato in questo viaggio alla scoperta di uno strumento alternativo attraverso il quale le nostre pmi potrebbe trovare il capitale di funzionamento di cui necessitano.

Vai all’articolo completo su Industria Italiana.

Ti è piaciuto questo articolo?

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Condividi sui social

LinkedIn
Facebook
Twitter
WhatsApp

ALTRE NOTIZIE SIMILI

banca sella workinvoice
Workinvoice news
20 Aprile 2021

Open Banking Integrato e Digitale: La Partnership tra Workinvoice e Banca Sella

Marketplace Economy
Insight & Business tips
22 Gennaio 2021

L’Evoluzione del FinTech Italiano verso l’Embedded Finance

Futuro del Fintech
Insight & Business tips
4 Dicembre 2020

Personalizzazione, velocità e digitalizzazione: le carte vincenti del Fintech in un mondo che cambia

Vantaggi Invoice Trading tra Fintech e Marketplace B2B
Insight & Business tips, Workinvoice news
24 Giugno 2020

Convergenza tra fintech e marketplace B2B. Il caso dell’Invoice Trading e la partnership Cribis-Workinvoice

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter Workinvoice

Workinvoice
Piazza San Camillo de Lellis 1, 20124 Milano

info@workinvoice.it
(+39) 02-868-91072

About

WorkInvoice © 2016 / P.IVA 08451350964 / Numero REA MI-2027541 / Payment Agent: Regafi 86989 / designed by SUNNYONES