logo econopoly

Fintech e banche alleate, cinque casi in cui è stato creato valore

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Tempo di lettura: < 1 minuto
Deutsche Bank, Santander, Barclays, Sparkasse e BankingCircle. E dall’altro lato MarketFInance, Kabbage, Traxpay, Workinvoice e SIA. Le collaborazioni tra banche e fintech si moltiplicano in tutto il mondo – e anche in Italia.

Come sempre accade, quando un trend esce dalla sua dimensione di nicchia e diventa mainstream si crea un “effetto moda” che porta a una proliferazione del fenomeno. Una tendenza che nell’insieme è positiva, ma che determina, insieme alle operazioni di successo, anche molte che sono inevitabilmente meno virtuose. Per questo abbiamo individuato cinque partnership che funzionano, perché creano nuova redditività per le banche e valore anche per le fintech che le attuano e, soprattutto, permettono a sempre più persone e imprese di avere a disposizione servizi che semplificano la loro vita.

Approfondisci su quali regole si fondano queste partnership all’interno dell’articolo di Matteo Tarroni, CEO di Workinvoice, pubblicato su Econopoly, blog de Il Sole 24 Ore.

Scopri come ottenere liquidità immediata per la tua azienda