Workinvoice

Soluzioni

Partnership

Scopri le nostre soluzioni
31 Ottobre 2018

Cribis Cash: quando i dati diventano valore per le imprese

L’alleanza tra Crif, che fornisce un database di informazioni commerciali e andamentali sulle PMI, e Workinvoice, che dà loro credito attraverso l’incasso anticipato, è la prossima terra promessa del FinTech

A cura di Fabio Bolognini, Chief Risk Officer di Workinvoice

Una soluzione che consente di usare le informazioni per creare ricchezza. Una sintesi perfetta tra big data e AI, a favore delle piccole e medie imprese. Si chiama Cribis Cash, ed è un servizio innovativo, frutto della collaborazione tra Workinvoice e Crif, società consolidata nei servizi informativi con decine di migliaia di clienti.

In sostanza, attraverso Cribis Cash, è possibile accedere ai dati relativi a 250 miliardi di euro di incassi e pagamenti di 1,7 milioni di aziende. Dati che possono essere utilizzati sia per la valutazione del merito di credito, sia per il miglioramento del portafoglio clienti e dei crediti commerciali. Le PMI possono sapere immediatamente, inoltre, se una fattura verso un cliente è cedibile e procedere rapidamente fino all’incasso immediato sulla piattaforma Workinvoice, che vanta un track record di migliaia di fatture per un volume di quasi 200 milioni di euro anticipati alle aziende.

Cribis Cash è dunque la somma dei due servizi, con un elevato valore aggiunto per gli utenti e per le imprese partner. Per Crif, il valore aggiunto sta nella possibilità di mettere sotto la stessa carrozzeria un motore molto più potente e veloce: ovvero di usare le sue informazioni commerciali per far ottenere alle aziende del suo bacino fonti di liquidità; per Workinvoice, che ha come missione la diffusione di un processo nuovo e digitale (e fuori dal circuito bancario) per trasformare le fatture in liquidità, Cribis Cash corrisponde all’apertura a una vasta popolazione di imprenditori grazie alla validazione da parte di un operatore affermato e affidabile.

Cribis Cash è un’innovazione disruptive nel mondo della finanza. Ed è rilevante che sia nata fuori dal sistema bancario, che da sempre è accentratore dei servizi legati al credito, dalla produzione alla distribuzione, al dettaglio.

La logica che sottende a questa idea è la stessa che forma l’essenza dell’open innovation. Non necessariamente l’invenzione di una tecnologia o di un device crea nuove opportunità: le opportunità nascono dal modo nuovo in cui svolgiamo funzioni tradizionali o, meglio, mettiamo in rete operazioni o tecnologie prima indipendenti. A essere disruptive nel mondo del business è esattamente questa capacità, che potremmo definire iper-connessione.

Un esempio tratto dalla nostra vita quotidiana può aiutare a comprendere meglio quello che intendiamo: prima dell’avvento degli smartphone, il telefono cellulare era lo strumento che consentiva di effettuare telefonate e la macchina fotografica quello per scattare fotografie. Lo smartphone è un’innovazione dirompente perché ha trasportato dentro un unico apparecchio diverse funzioni per cui prima erano necessari diversi device. Con lo smartphone telefoniamo, scattiamo fotografie e non solo: le inviamo istantaneamente già modificate a chiunque, digitando pochi tasti su applicazioni di messaggistica, trasferendo ricordi e immagini con emozioni, sorrisi, paesaggi. Il software di un piccolo apparecchio non solo ha modificato le nostre abitudini in relazione al modo in cui usavamo il telefono o la macchina fotografica, ma ha modificato radicalmente la nostra interazione sociale. Questo effetto di rottura è sempre più frequente anche nel business.

Lo smartphone sta alla vita sociale come Cribis Cash sta al mondo del credito alle imprese: mettendo in rete un giacimento di dati di aziende, di flussi di pagamento, lo sfrutta per alimentare un sistema intelligente che produce energia finanziaria per le imprese. E la produce in maniera sempre più efficiente, con tempi di trasmissione molto più veloci di quanto si sia mai fatto prima. Dati e algoritmi si possono integrare fluidamente, i due processi (informazioni e cessione dei crediti) si saldano in un flusso unico eseguibile interamente online con semplicità e rapidità.

Le innovazioni di cui si parla a lungo sono tali perché hanno superato la prova dell’utilizzo diventando il nuovo modo “normale” di fare le cose, adottato da una platea ampia di persone e istituzioni. In questo caso Cribis Cash è al battesimo del fuoco, ma parte con un’elevata probabilità che anche molte piccole imprese comincino finalmente a utilizzare i servizi di informazione commerciale per la gestione attiva dei loro crediti, grazie alla possibilità di trasformare i migliori in liquidità nel giro di pochi giorni.

Ti è piaciuto questo articolo?

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Condividi sui social

Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

ALTRE NOTIZIE SIMILI

banca sella workinvoice
Workinvoice news
20 Aprile 2021

Workinvoice insieme a Banca Sella: nasce il primo servizio di open banking per le imprese totalmente integrato e digitale

blog-embedded-5
Insight & Business tips
22 Gennaio 2021

Dal FinTech all’Embedded Finance

blog-img potenza 4
Insight & Business tips
4 Dicembre 2020

Personalizzazione, velocità e digitalizzazione: le carte vincenti del Fintech in un mondo che cambia

Cribis Cash
Insight & Business tips, Workinvoice news
24 Giugno 2020

Convergenza tra fintech e marketplace B2B. Il caso dell’Invoice Trading e la partnership Cribis-Workinvoice

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter Workinvoice

Workinvoice
Piazza San Camillo de Lellis 1, 20124 Milano

info@workinvoice.it
(+39) 02-868-91072

About

WorkInvoice © 2016 / P.IVA 08451350964 / Numero REA MI-2027541 / Payment Agent: Regafi 86989 / designed by SUNNYONES